top of page

Per rimanere sempre in contatto con me e con il gruppo; ricevere inviti per feste, segnalazioni per lo shopping, scoprire il dietro le quinte delle sfilate, interviste con i designer ed i brand sostenibili... Iscriviti adesso alla
Sustainable Fashion Community

Gucci, con il supporto di Kering, investe nel "Made in Italy Circolare"

Gucci, con il supporto di Kering, investe nel primo Circular Hub per favorire lo sviluppo di un "Made in Italy Circolare". L’hub opererà per promuovere l'innovazione e favorire l’accelerazione del percorso di trasformazione circolare della moda e del lusso.




Milano, 21 febbraio 2023- Gucci, con il supporto di Kering, annuncia oggi il progetto per l’avvio del primo hub per il lusso circolare in Italia. Il Circular Hubnasce con l’obiettivo di accelerare la trasformazione del modello produttivo del settore moda in Italia in chiave circolare, ripensando l’intera catena del valore, a partire dalle materie prime e dal design dei prodotti fino all’ottimizzazione dei processi produttivi e logistici, secondo principi di economia circolare.

In piena sintonia con la transizione ecologica al centro del PNRR e della strategia di economia circolare alla base della regolamentazione europea quale mezzo necessario per raggiungere i target di riduzione delle emissioni al 2030, il progetto si fonda sulla creazione di una piattaforma di open innovation per progettare e realizzare prodotti e soluzioni circolari.


Il Circular Hub si pone infatti l’obiettivo di creare il prodotto del lusso circolare del futuro - un prodotto che massimizza l’utilizzo di materiali riciclati, la durabilità, la riparabilità e la riciclabilità dei prodotti a fine vita. L’hub sarà collocato all’interno del territorio toscano e dialogherà con le strutture del Gruppo Kering, a partire dai siti produttivi e la rete dei fornitori di materiali e prodotto finito di Gucci in Italia - un ecosistema di oltre 700 fornitori diretti e 3500 subfornitori. Le attività dell’hub saranno quindi estese agli altri brand del Gruppo Kering per poi diventare uno strumento a disposizione dell’intero settore.

L’industria della moda ha oggi la responsabilità di stimolare azioni concrete e trovare soluzioni in grado di accelerare il cambiamento, ripensando anche alle modalità produttive e all’impiego delle risorse. La creazione del Circular Hub è un importante traguardo e nasce proprio per perseguire quest’obiettivo. È motivo di orgoglio per me che l’hub nasca in Italia, sede di alcuni dei più importanti e rinomati poli produttivi e delknow-howdel GruppoMarie-Claire Daveau, Chief Sustainability and Institutional Affairs Officer di Kering.


“La collaborazione con Gucci ha dato vita al nuovo Circular Hub e ciò è testimonianza non solo di una forte comunità di obiettivi all’interno del Gruppo ma anche di un esempio ambizioso che, nella logica dell’open source, vuole essere un invito aperto ad altre realtà ad unirsi in questo percorso”.

La circolarità ci offre una visione che coinvolge l'intero ciclo produttivo: è una grande sfida per rendere ancora più forte e competitivo ilMade in ItalyAntonella Centra, Executive Vice President, General Counsel, Corporate Affairs & Sustainability di Gucci.

“Oggi con Circular Hub abbiamo la responsabilità e soprattutto l'opportunità di creare la strada per l'industria del lusso del futuro. Condividendo i medesimi obiettivi e mettendo a fattore comune risorse,know-howe sinergie, la piattaforma rappresenta uno strumento concreto per abilitare l’intera catena di fornitura e specialmente le piccole e medie imprese, cuore pulsante del nostro Paese, rendendole parte attiva del percorso di innovazione costante che rende unico il saper fare italiano nel mondo.”

La prima fase dei lavori prenderà il via nel primo semestre 2023 e si avvarrà delle competenze dei ricercatori del Kering Material Innovation Lab(MIL) di Milano e del supporto di tecnici e ricercatori di prodotto per abbigliamento, pelletteria, calzature e accessori dei centri d'avanguardia di artigianato industriale e sperimentazione di Gucci di Scandicci e di Novara. Per lo sviluppo delle attività progettuali, la piattaforma prevedrà inoltre il supporto di partner industriali e la collaborazione scientifica della Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa,che opererà nel perimetro di intervento delle linee di ricerca industriale e di sviluppo di soluzioni circolari, anche relativamente ai modelli operativi e logistici.




Un sistema di innovazione aperta e modulare

Le attività del Circular Hub si concentreranno principalmente sulle seguenti aree:

•Ricerca e Sviluppo: attraverso la creazione di un centro di ricerca dedicato, all’interno del quale saranno studiate le più innovative soluzioni tecnologiche e digitali in prospettiva circolare con l’obbiettivo di migliorare la qualità dei prodotti - la loro durabilità, riparabilità e riciclabilità - nonché ridurre l'impatto verso l'ambiente ottimizzando i processi di trasformazione e l’impiego delle materie prime;

•Logistica: agendo come facilitatore dello sviluppo attraverso il coinvolgimento delle aziende parte delle filiere produttive affinché traccino e conferiscano gli scarti della produzione per avviarli a recupero e rigenerazione;

•Partnership industriali: avviate con l’obiettivo di ideare, progettare e realizzare soluzioni tecnologiche e impianti che consentiranno di recuperare e rigenerare i materiali per il loro riutilizzo nella produzione;

•Condivisione del valore: i processi di recupero, riciclo e riutilizzo che saranno messi a punto e integrati nella filiera Gucci e i relativi brevetti, tecniche eknow-howsaranno messi successivamente a disposizione di altre aziende, con l’obiettivo di coinvolgere, in un’ottica di open innovation, un numero sempre maggiore di fornitori e partner industriali.


Benefici ambientali e di sistema

Il nuovo Circular Hub determinerà una ricaduta positiva sull’intero sistema moda su diversi fronti: promuovendo la ricerca condivisa di materiali circolari e l’innovazione sugli impianti industriali dei distretti locali in ottica di open innovation; sviluppando nuovi canali di approvvigionamento locali e di consolidamento della filiera; creando un posizionamento distintivo all’interno dell’ecosistema dell’innovazione e dell’economia circolare nel favorire lo sviluppo del primo “Made in Italy circolare”; minimizzando gli impatti ambientali e sociali delle filiere produttive coinvolte grazie alle economie di scala e di scopo.

In piena sintonia con gli obiettivi ESG, il progetto migliorerà inoltre le performance di impatto ambientale del Gruppo Kering, di Gucci e della sua filiera e dei territori in cui esse operano. Renderà possibile consumare meno risorse, ridurre le emissioni di gas serra, creare occupazione di qualità e contribuire al benessere del territorio.

Da una prima stima degli impatti ambientali effettuata sull’ecosistema Gucci pelletteria, sarà possibile arrivare a una riduzione sino al 60% delle emissioni di gas serra attualmente generata nella gestione degli scarti produttivi.

Il Circular Hub anticipa i nuovi modelli produttivi che saranno vincolanti in Europa nei prossimi anni e che istituiranno la responsabilità estesa del produttore, obbligando le aziende a farsi carico del fine vita del prodotto e dei materiali di scarto.

Il progetto è complementare alle attività che saranno svolte dal Consorzio Re.Crea, coordinato dalla Camera Nazionale della Moda Italiana per gestire i rifiuti e promuovere l’innovazione del riciclo, del quale Gucci fa parte come socio promotore, e si pone in linea di continuità con l’ingresso della Maison come partner strategico nella Ellen MacArthur Foundation - un impegno volto ad accelerare il percorso virtuoso verso la circolarità.

In funzione della rilevanza per il territorio, il progetto concorrerà nell’ambito dei progetti sostenuti dallo strumento degli Accordi per l’Innovazione del Ministero delle Imprese e del Made in Italy.

コメント


bottom of page